By

undefined

Avete sempre desiderato leggere Moby Dick di Hermann Melville, ma la mole del libro vi sembra paragonabile a quella dell’omonimo cetaceo? È dalla fine della scuola dell’obbligo che vi ripromettete di leggere I promessi sposi, lontano dalle imposizioni dei professori, ma faticate ad andare oltre il celebre incipit? A volte interesse e buona volontà sembrano non essere sufficienti per riuscire ad affrontare l”imponenza’ di alcuni grandi capolavori della letteratura, e si corre il rischio di arrendersi dopo poche pagine e abbandonare la lettura. Ma dagli Stati Uniti, e più precisamente dal magazine online Book Riot, arrivano alcuni consigli ed escamotage per aggirare le barriere che si frappongono tra noi e il libro che desideriamo leggere e per migliorare la qualità e la quantità delle nostre letture. ‘Trucchi’ che sono stati ripresi e riproposti dal social book magazine italiano Libreriamo e tra i quali, udite udite, troviamo proprio gli audiolibri: 

 […]Se il libro è un muro troppo compatto di parole, lo stratagemma è cercare di sbarazzarsi del testo. Come? Gli audiolibri possono risultare di grande aiuto. Se è ben letto e ben recitato, chi lo ascolta trova nell’audiolibro personaggi ben caratterizzati e differenziati, e può percepire le diverse sfumature della prosa, ricevendo così del libro e della storia un’impressione vivida. Chi pensa che ascoltare un audiolibro non conti come leggere si sbaglia di grosso, afferma l’autore dell’articolo, che dichiara anche di aver riscoperto l’Iliade e l’Odissea di Omero ascoltandone gli audiolibri mentre faceva jogging. La versione audio delle storie, continua, tende a rimanere in testa, invogliando a riprendere in mano il testo e a rileggerlo accompagnati dall’eco del racconto che si è sentito. Ci sono inoltre versioni drammatizzate di alcuni libri, in cui ogni personaggio è interpretato da un autore differente: in questo caso l’ascolto è davvero un piacere speciale. […]

Gli audiolibri sono proposti proprio come modo ‘altro’ di leggere e come spinta incoraggiante a prendere – o riprendere – in mano i libri, anche quelli che per lunghezza o stile ci erano apparsi particolarmente affascinanti ma ostili. Ascoltare audiolibri può solo far bene a libri e lettori, come il Narratore sostiene da sempre. E i benefici derivanti dall’ascolto e dalla lettura abbinata all’ascolto sono molto più ampi e duraturi di quanto si sarebbe portati a credere: Maurizio Falghera, sociologo e studioso di Cibernetica della Comunicazione ed Ecologia della Mente, oltre che direttore editoriale e artistico de il Narratore audiolibri, li ha esaminati nel suo saggio Lettura+Ascolto. Come migliorare l’apprendimento linguistico, emotivo ed empatico con gli audiolibri. Ascoltare audiolibri non solo porta alla riscoperta del piacere di leggere, ma costituisce un vero e valido ausilio per l’approfondimento e l’accelerazione delle competenze linguistiche (e immaginative, e emotive) di bambini e ragazzi.

Buona lettura e buon ascolto!

http://www.ilnarratore.com

About the Author

 

Leave a Reply

728 x 90 banner

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi